Free Me Tomorrow

Organizziamoci la vita! Come riuscire a stare dietro agli impegni della vita limitando i patimenti

Salve!

Oggi volevo parlare di un cambiamento radicale avvenuto nella mia vita da qualche anno a questa parte.

Sono sempre stata una persona molto disordinata e disorganizzata. Ricordo i montoni che mi prendevo da mia madre (E che ancora adesso mi rinfaccia 🙂 ) per come trattavo camera mia e per le volte in cui per poterla attraversare bisognava fare lo slalom tra le montagne di vestiti e oggetti sparsi in giro. Quando poi sono andata a convivere, per i primi anni la situazione è rimasta pressoché invariata, con l’aggravio che stavolta l’intera casa era un disastro perenne. C’è da dire che è stato un periodo divertente, di svacco, mangiate, bevute, feste in compagnia e allegria. Dopo qualche anno, però, la situazione è diventata intollerabile e stavo iniziando a sentire la necessità di abbattere il caos che avevo creato e che non riuscivo più a controllare. Ho deciso di mettere ordine nella mia vita e di diventare finalmente una donzella di casa responsabile.

Per quanto provassi in tutti i modi e con vari metodi, però, non riuscivo a sentirmi organizzata, produttiva. Ero sempre in ritardo sulle scalette di marcia che mi prefissavo. Sì, perché, nonostante io sia una fancazzista per eccellenza, sono anche una grande impaziente e, se non vedo risultati e in breve tempo, mi abbatto e me ne ritorno nel mio angolino di insoddisfazione. Proprio per la mia impazienza di ottenere tutto e in breve tempo, probabilmente creavo delle scalette di marcia troppo severe e, il più delle volte, mi ritrovavo a non avere tempo o voglia o entrambi di faticare perché questo significava limitare troppo i momenti di puro cazzeggio. Diciamoci la verità, il cazzeggio è importantissimo e frequenti premi post fatica sono indispensabili!

Il mio è stato un cammino lungo, ma alla fine sono riuscita a raggiungere l’obiettivo. C’è comunque da ammettere che il processo non è sicuramente finito. Ogni giorno si scoprono nuovi metodi, nascono nuove tecnologie, nuovi stili di vita a cui ispirarsi, insomma, nulla è definitivo e tutto è in evoluzione perenne. Per il momento mi limiterò ad elencare i vari stadi del processo che mi hanno portato ad essere più organizzata e produttiva, magari qualcuno potrà trovarli utili e utilizzarne qualcuno. Enjoy!

  • SCRIVERE. Scrivete dove volete, ma scrivete. Scrivete tutto quello che dovete fare. Buttate giù tutto ciò che secondo voi c’è bisogno di fare.
  • Dopo aver fatto una lista completa (che eventualmente andrete a rimpolpare nel tempo, o anche a limitare, chissà), iniziate a dividerla per categorie. Io per esempio avevo fatto:
    – una lista per cadenza (giornaliera, settimanale, mensile, trimestrale, semestrale e annuale) e
    – una per tipologia di impegni (pulizia casa, beauty routine personale, impegni burocratici, altro)
    – una lista di obiettivi da raggiungere
    – una lista di progetti
    Ognuna di queste liste aveva al fondo degli spazi vuoti, in modo che fossero sempre aggiornabili.
  • Create qualcosa che contenga tutto questo materiale. Inizialmente io mi ero creata una bella agenda personale su Excel, stampata, tagliata, rilegata che raccoglieva al suo interno anche altre sezioni (film e serie televisive da vedere, libri da leggere, posti da visitare, registrazione delle spese mensili, frasi che mi colpivano, idee per regali, to do list in generale)
     
    In realtà ultimamente mi sono resa conto che dopo un uso massivo iniziale dell’agenda, negli ultimi mesi avevo iniziato a smettere di utilizzarla.Una volta create le liste, comunque, si può procedere come meglio si crede nella loro gestione.
    Io, ad esempio, adesso ho optato per
    – una lista giornaliera mentale (non ho più bisogno che sia scritta, è diventata routine e ce l’ho ben stampata in testa 🙂
    – 3 liste: mensile – ***mestrale – annuale stampate e plastificate, in modo da poter essere spuntate tramite un pennarello da lavagna
    – una to do list vuota stampata e plastificata, compilabile col pennarello da lavagna di giorno in giorno
    – in più ho scaricato un’applicazione per l’iphone (ma c’è anche per android) che mi tiene traccia di tutte le spese. Si chiama Spending e prima o poi farò un post per recensirla.
    – e in ultimo ho scaricato Wunderlist, altra app per iphone (anche questa c’è per android) per tenere traccia di tutte le altre liste che mi interessano
    La decisione di abbandonare l’agenda è derivata dalla consapevolezza che ogni anno, la redazione, la stampa, il ritaglio e la rilegatura dell’agenda mi avrebbe preso molto tempo. Ma qui non si stava parlando di risparmiarlo il tempo? 😀
    Comunque ci può essere chi preferisce sacrificare un po’ di tempo per poter avere qualcosa che ritiene più comodo, personalizzabile, qualcosa che si può anche rendere esteticamente accattivante, abbellendolo con adesivi, per esempio. A ognuno il suo!
  • Ovviamente punto finale di tutto è utilizzare gli strumenti che avete creato per potervi scandire il tempo e semplificare le giornate. Potete consultare i vostri schemi per vedere gli impegni inderogabili della giornata; leggere gli impegni del mese e decidere di dedicarvi al determinato impegno in un determinato giorno perché sarete liberi. Potete vedere se in quel mese ricadono degli impegni x-mestrali o annuali e decidere le date in cui potete tranquillamente dedicarvi a ciascuno di essi. Ovviamente spesso capiterà che nel determinato mese non riuscirete a completare tutti gli impegni; niente paura! Avrete sempre sott’occhio la situazione e saprete sempre cosa diventerà urgente e cosa invece potete momentaneamente rimandare.
    Ricordatevi comunque che il segreto sta nel cercare di non rimandare mai ma di restare al passo con la vostra scaletta; quindi è raccomandabile evitare di annotare impegni nel mese di agosto, per esempio, se normalmente fate due settimane di ferie, oppure a dicembre, se siete superpresi da pranzi, cene e parenti 😉 Io, ad esempio, ho evitato di riempirmi di impegni nei mesi che so essere più pregni a lavoro.

Spero che questo post possa essere utile a qualcuno. A me qualche anno fa avrebbe effettivamente fatto comodo.

Nei post futuri vorrei pubblicare qualcosa del materiale da me creato, magari qualcuno potrebbe prendere spunto! Stay tuned! 🙂

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *